Mai più senza: pubblici personalizzati su Facebook e Instagram

I pubblici personalizzati (Custom Audience) di Facebook sono probabilmente l’innovazione più rivoluzionaria introdotta da questo social network negli ultimi anni, nell’ambito della profilazione del target delle campagne sponsorizzate.

Le prime campagne – vi ricordate? – richiedevano all’inserzionista di definire dati anagrafici della target persona desiderata (età, luogo, sesso) e di elencare una serie di “interessi” per individuarlo nel vasto mare di utenti Facebook: a marzo 2020 Facebook registrava 1.73 milioni di utenti attivi al giorno!

Da qualche anno è invece possibile creare dei pubblici personalizzati, cioè definire il pubblico delle proprie inserzioni non in base a parole chiave ma in base ai suoi comportamenti: l’aver visitato una pagina particolare del nostro sito web aziendale, l’interazione con la nostra pagina Facebook o con il nostro account Instagram aziendale, l’aver visualizzato una certa percentuale di un video.

Perché sono così utili?
Immagina di avere un negozio di prodotti per il ripristino fai-da-te di alcune parti della barca e di avere 100 euro da spendere in pubblicità. Su quale opzione scommetteresti a occhi chiusi?

  1. Un’inserzione rivolta a tutti gli utenti con interesse “fai da te” presenti su Facebook
  2. Un’inserzione rivolta a tutti coloro che hanno visto per intero un tuo video-tutorial sull’applicazione del prodotto che vendi

Un altro esempio: immagina di essere il titolare di un e-commerce e di attivare una campagna sponsorizzata ottimizzata per traffico sul sito, e un’altra che offre un buono sconto solo agli utenti che hanno aggiunto un articolo al carrello senza completare l’acquisto. Un utente che ha già messo una volta un articolo nel carrello ha per te un valore nettamente superiore rispetto all’utente che vede per la prima volta il tuo brand (dove per “valore” intendiamo: propensione all’acquisto!).
Infine, chi lavora nel B2B o per chi vende articoli di valore molto elevato (es. imbarcazioni) otterrà benefici particolarmente interessanti utilizzando pubblici personalizzati in campagne ottimizzate per conversione “acquisizione contatti”, che permettono di raccogliere (nel rispetto del GDPR) contatti email e telefonici di utenti interessati a richiedere un preventivo, fissare un appuntamento o concordare una consulenza.

Le strategie a monte di ogni campagna sponsorizzata sono davvero tante e dovrebbero essere sempre condivise dal social media manager con il cliente, per rendere gli obiettivi delle campagne il più allineate possibile agli obiettivi aziendali. Per utilizzare i pubblici personalizzati a partire dal tuo sito web, è necessario installare un pixel (ne parleremo in maniera più approfondita in un prossimo numero della newsletter).

Se vuoi ricevere una consulenza sulla progettazione delle campagne Facebook e Instagram utilizzando i pubblici personalizzati, il nostro team è come sempre a tua disposizione!

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.